Santità della casa musulmana (Ayatullah Mazaheri)

Santità della casa musulmana

Ayatullah al-‘Udhma Husayn Mazaheri

Dal Sacro Corano e dagli ahadith dell’Ahl al-Bayt (A) possiamo dedurre che la casa nella quale vi è amore e cooperazione, nella quale viene adempiuta la Preghiera rituale (Salat), si digiuna, si ricorda frequentemente Allah, viene letto il Corano, vengono recitate le suppliche e tutti i membri della famiglia invocano sinceramente Allah – tale casa è amata da Allah e questo è il tipo di casa che Egli ama vedere. Questa casa è piena di benedizioni e influenze spirituali che illuminano coloro che sono nei cieli, come le stelle nel cielo splendono per coloro che sono sulla terra!

Dall’altro lato, una casa nella quale Allah non è ricordato o nella questa esistono inimicizia e odio, dove il Corano e le invocazioni non vengono recitate, la Preghiera rituale (Salat) non viene realizzata e non si digiuna – è una casa del peccato coperta da strati di oscurità e priva di ogni benedizione. Si tratta di una casa frequentata dagli Shayatin (Diavoli) e sulla quale discendono le maledizioni degli Angeli.

Nel Corano, nella Surah al-Nur, versetto 36, leggiamo:

«فِي بُيُوتٍ أَذِنَ اللَّـهُ أَن تُرْ‌فَعَ وَيُذْكَرَ‌ فِيهَا اسْمُهُ يُسَبِّحُ لَهُ فِيهَا بِالْغُدُوِّ وَالْآصَالِ»

Nelle case che Allah ha permesso di innalzare, in cui il Suo Nome viene menzionato.”

Allah ci informa che c’è un tipo di casa su cui Egli ripone particolare attenzione: si tratta della casa nella quale Allah è menzionato e lodato. Coloro che abitano questa casa sono quelli che ricordano Allah, realizzano volentieri la Salat, gioiosamente pagano la Zakat e altre ‘tasse’ islamiche e,  in breve, è quella nella quale i comandamenti di Allah sono seguiti e i peccati evitati.

Come un Masjid (Moschea) o Madresah, anche questa casa è considerata sacra – ma perchè? La sua santità o sacralità risiede nel fatto che vi vivono persone pie che costantemente ricordano Allah, realizzano la Salat, pagano il Khums e la Zakat, e osservano il Sawm (digiuno), ecc… Essi si astengono dai peccati, dai litigi, dal maltrattare mentalmente e fisicamente (gli altri). Questo è il significato apparente di questo versetto del Corano.

Il significato occulto o meno apparente di questo versetto, come insegnatoci dall’Ahl al-Bayt (A) – che sono coloro che, dopo Allah e il Suo Profeta (S), possiedono la conoscenza del significato interiore del Corano – è che il termine “casa” nel versetto menzionato si riferisce ad un Mu’min o vero credente.

Un compagno chiamato Qatadah si trovava una volta in presenza dell’Imam Muhammad al-Baqir (A), e lo stato spirituale dell’Imam colpì a tal punto Qatadah che egli disse all’Imam di esser stato in compagnia di molti sapienti (‘Ulamà) ma nessuno di loro lo aveva influenzato così profondamente quanto l’Imam. L’Imam gli chiese: “Tu sai con chi sei seduto?” e disse quanto segue:

« أَنتَ بَینَ یَدَيَّ أَذِنَ اللهُ أَن تُرفَعُ وَ یُذکَرُ فِیهَا أسمُهُ یَسَبَّحُ لَهُ فِیها بِالغُدُوَّ وَ الآصالِ رِجالَ لاَ تُلهِیهِم تَجارَةَ وَ لا بَیعَ عَن ذِکرِ اللهِ»

Tu siedi alla presenza di queste “case nelle quali Allah ha permesso che venga menzionato il Suo nome e innalzato, che Lo glorificano al sorgere del mattino e al discendere della notte. Uomini che né il commercio né gli affari distraggono dal ricordo di Allah” (Al-Kafi, volume 6, pag. 256; Bihar al-Anwar, volume 74, pag. 357).

Questo hadith spiega il secondo significato del versetto – l’interpretazione gnostica o profonda – qualcosa che noi non possiamo facilmente comprendere. Sono il Profeta (S) e gli A’immah (A) che devono interpretare il Corano per noi giacché ogni versetto del Corano ha una lettura apparente che è una Hujjah o prova per chiunque. Lo stesso versetto possiede anche un significato esoterico o gnostico – alcune commentatori del Corano affermano che un versetto possiede oltre settanta significati – che ogni persona può comprendere in accordo alla propria conoscenza e intelligenza.

In sintesi, questo versetto del Corano ci dice che la casa nella quale non vi sono litigi e i cui membri della famiglia si aiutano reciprocamente – la moglie lavora in casa per provvedere ai bisogni del marito e dei figli; e il marito lavora fuori per provvedere alle necessità di sua moglie e dei suoi figli, in modo da poter vivere in tranquillità, è descritta nel Corano come quella casa che gli Angeli guardano come luogo sacro e della quale Allah è compiaciuto.

Pertanto quella casa che è colma di rabbia o litigi tra marito e moglie o nella quale il Corano non è recitato né le Salat realizzate, è in realtà la casa del Diavolo.

Shaykh Ya’qub al-Kulayni nella sua raccolta di tradizioni “Al-Kafi” riporta un hadith dal Profeta Muhammad (S) dall’Imam ‘Ali (A) che dice:

« إِنَّ ألبَیتَ أَلَّذي یُقرَءُ فِیهِ ألقُرآنَ وَ یُذکَرُ أللهُ عَزَّ وَ جَلَّ فِیهِ تَکتُرُ بَرَکَتُهُ وَ تَحضُرُهُ المَلائِکَةُ وَ تَهجُرُهُ الشَّیاطِینُ و یُضیِیءُ لِأَهلِ السَّماء کَما تُضیِیءُ الکَواکِبُ لِأَهلِ الأَرضِ. وَ إِنَّ البَیتَ الَّذِي لا لَقرَءُ  فِیهِ القُرآنَ وَ لا یُذکَرُ اللهُ عَزَّ وَ جَلَّ فِیهِ تَقِلُّ بَرَکَتُهُ وَ تَهجُرُهُ الملائِکَةُ وَ تَحضُرُهُ المَلاَئِکَةُ وَ تَحضُرُهُ الشَّیاطِینُ»

In verità le benedizioni si moltiplicano in quella casa nella quale il Corano è recitato e il nome di Allah, il Glorioso e Nobile, è menzionato. Gli Angeli frequentano questa casa e i diavoli abbandono simile luogo. Questa casa emana luce per gli abitanti dei cieli, così come le stelle emanano luce per gli abitanti della terra. E in realtà le benedizioni vengono rimosse da quella casa nella quale il Corano non viene recitato, e Allah, il Glorioso e Nobile, non è menzionato; gli Angeli abbandonano simile luogo e vi risiedono i Diavoli.”

In un altro famoso hadith del Profeta dell’Islam (S), è detto:

«لاَ تَدخُلُ ألمَلائِکَةُ فِي بَیتٍ فِیهِ ألکَلبُ»

Gli Angeli non entrano in una casa nella quale vi è un cane.”

Questo hadith possiede due significati. Il primo significato apparente è la traduzione che afferma che gli Angeli non frequentano la casa nella quale vi è un cane – questa è l’interpretazione ‘semplice’.

Bisogna menzionare che si tratta della casa nella quale un cane è introdotto per piacere o come animale domestico, non per protezione, per la caccia o altre necessità. Quelle persone che prendono i cani solamente per gioco, pratica che si è diffusa nel mondo occidentale, o quei musulmani che sono diventati intossicati dall’Occidente, saranno resuscitati nel Giorno del Giudizio con Yazid (L) e i suoi simili, giacché anche egli era solito prendere cani come animali domestici con cui giocare.

Questo è il significato apparente che uno può trarre dalla lettura dell’hadith. Esso possiede comunque anche un altro significato molto più profondo per quella persona spirituale che cerca di avvicinarsi ad Allah ed è che la “casa” in questo hadith, come spiegato dagli A’immah, è il “cuore” del credente. Quindi l’hadith può essere tradotto come: “Gli Angeli non entrano nel cuore della persona che ha tratti negativi al suo interno”.

E’ menzionato nel Corano che lo Ilham, un tipo di rivelazione, può essere concesso a chiunque o a qualsiasi cosa esistente – inclusa la madre di Musa, le api and altre creature – ma il cuore che è contaminato non viene benedetto con questa ispirazione divina.

Quali sono le contaminazioni del cuore? Esse sono i peccati come la gelosia, la vanità, l’orgoglio, la rabbia, ecc. Questo è uno dei significati esoterici dell’hadith. Quindi, la luce (nur) di Allah non è presente in un simile cuore.

Il significato finale dell’hadith è che la casa musulmana che è piena di rabbia, litigi e dispute, nella quale la moglie è sempre in guerra con il marito; in cui il marito discute continuamente con sua moglie; nella quale la sposa e i bimbi sono fisicamente o mentalmente molestati, non è una casa che gli Angeli visitano. Tutti questi atti sono malvagi e immondi in accordo non solo all’Islam ma anche alle altre forme tradizionali, e gli Angeli non entrano in una causa dove simili atti malvagi vengono perpetrati.

Quanto è misero lo stato della casa e della moglie che vive in simile casa; e ancora peggiore di questo, quanto è misero lo stato del figlio innocente e senza colpa che deve crescere vivendo in simile casa malvagia! La crescita e lo sviluppo spirituale di un bambino in simile atmosfera sono davvero difficoltosi se non impossibili!

Il Corano ci dice che il marito dovrebbe essere un mezzo per la tranquillità ed il riposo della moglie; ed anche la moglie dovrebbe essere un mezzo per la tranquillità ed il supporto del marito. Allah menziona quanto segue:

«وَمِنْ آيَاتِهِ أَنْ خَلَقَ لَكُم مِّنْ أَنفُسِكُمْ أَزْوَاجًا لِّتَسْكُنُوا إِلَيْهَا وَجَعَلَ بَيْنَكُم مَّوَدَّةً وَرَ‌حْمَةً إِنَّ فِي ذَٰلِكَ لَآيَاتٍ لِّقَوْمٍ يَتَفَكَّرُ‌ونَ»

“Fa parte dei Suoi segni l’aver creato da voi, per voi, delle spose, affinché riposiate presso di loro, e ha stabilito tra voi amore e tenerezza. Ecco davvero dei segni per coloro che riflettono.” (30: 21)

Comunque una casa nella quale le discussioni e litigi hanno luogo ogni giorno è ben lontana dall’essere un luogo di tranquillità e riposo; essa è letteralmente un inferno sulla terra. In relazione a ciò, il Corano dice:

«أَفَمَنْ أَسَّسَ بُنْيَانَهُ عَلَىٰ تَقْوَىٰ مِنَ اللَّـهِ وَرِ‌ضْوَانٍ خَيْرٌ‌ أَم مَّنْ أَسَّسَ بُنْيَانَهُ عَلَىٰ شَفَا جُرُ‌فٍ هَارٍ‌ فَانْهَارَ‌ بِهِ فِي نَارِ‌ جَهَنَّمَ وَاللَّـهُ لَا يَهْدِي الْقَوْمَ الظَّالِمِينَ»

“Chi ha posto le fondamenta della moschea sul timor di Allah per compiacerLo, non è forse migliore di chi ha posto le sue fondamenta su di un lembo di terra instabile e franosa, che la fa precipitare insieme con lui nel fuoco dell’Inferno? Allah non guida gli ingiusti.” (9:109)

In molti passi vediamo che il Corano ha l’obiettivo di spiegarci una realtà utilizzando un esempio o una parabola giacché, se noi abbiamo un’immagine mentale di una scena nella nostra testa, faciliterà la comprensione del concetto, e questo versetto non è un’eccezione.

Se una persona ha edificato una casa su un solido appezzamento di terra con ferme fondamenta, assumendo i migliori imprenditori ed usando i migliori materiali di costruzione, risulterà chiaro che se venisse colpita anche da una tempesta questa casa rimarrà salda e non verrà distrutta.

Tuttavia, se una persona prende delle scorciatoie nel costruire una casa, assumendo manodopera a basso costo o non utilizzando la massima qualità di legno, cemento, ecc., se allora giunge una tempesta, la casa con tutti i suoi abitanti verrà distrutta!

Quindi se noi edifichiamo la nostra vita personale, struttura familiare e comunità islamica su fondamenta solide – Taqwa o ‘timor di Dio’ – e usiamo i migliori materiali per la costruzione – amore, cooperazione, rispetto reciproco, recitazione del Corano e delle invocazioni, realizzazione della Salat e del Sawm, Zakat e Khums, ordinare il bene e proibire il male, e affidarsi solamente a Iddio, allora senza dubbio le nostre case, i nostri matrimoni, i nostri figli, le nostre famiglie e la nostra intera società saranno come case costruire su solide fondamenta!

Se vogliamo che la nostra sposa (o sposo), figli e famiglia raggiungano la felicità in questo e nell’altro mondo, dobbiamo rimuovere tutti i peccati e tratti malvagi dalla nostra casa e gettare le prima fondamenta per questo edificio immobile: la realizzazione della Preghiera rituale (Salat) in tempo.

L’Islam ha altamente enfatizzato che le Preghiere rituali meritorie (Salat Nawafil) vengano realizzate in casa, ma le cinque Salat doverose (wajib) dovrebbero essere comunque realizzate in Jama’at (comunità) e nel Masjid! E’ stato menzionato negli hadith di fare attenzione a non cadere nello stesso errore dei giudei e dei cristiani che hanno selezionato un luogo specifico per le proprie preghiere ed adorazioni.

Le nostre case devono piuttosto essere un luogo di preghiera e ricordo di Dio, nelle quali il Corano, i Du’a, le Preghiere rituali raccomandate sono realizzate: e anche il Masjid deve essere mantenuto vivo attraverso le Preghiere rituali doverose se vogliamo il successo in questo mondo e nell’altro.

.

Traduzione a cura di Islamshia.org © E’ autorizzata la riproduzione citando la fonte

Writer : shervin | 0 Comments | Category : Donna Musulmana