Imam Khamenei: “Se gli USA rinnovano le sanzioni, la Repubblica Islamica reagirà”

02/12/2016: “Il Senato USA ha approvato all’unanimità la proroga per 10 anni della legge sulle sanzioni all’Iran, dopo l’approvazione alla Camera (410a 1). La legge consente di imporre restrizioni nei campi della difesa, bancario ed energetico.”

IMAM KHAMENEI: “SE GLI USA RINNOVANO LE SANZIONI, LA REPUBBLICA ISLAMICA REAGIRA'”

15219560_1119989398120703_1567938909514665673_n

“Nel concludere, vorrei dire alcune cose circa i nostri problemi con questo governo arrogante [USA]. Naturalmente l’Amministrazione che dovrebbe entrare in carica a breve e non si è ancora insediata è un'”anguria non aperta” [espressione persiana che indica qualcosa ancora ignoto] e non sappiamo ciò che vi è al suo interno. Ma l’Amministrazione attualmente in carica – l’attuale Amministrazione degli Stati Uniti – agisce in contrasto alle decisioni e agli impegni che sono stati presi in comune accordo.

Ritengo necessario dire qui che costoro hanno commesso numerose violazioni. Non parliamo di una o due violazioni. La più recente è questo rinnovo decennale delle sanzioni. Se queste sanzioni vengono rinnovate, si tratterà sicuramente una violazione dell’accordo nucleare, ne costituirà indubbiamente una violazione. E dovrebbero sapere che la Repubblica Islamica reagirà sicuramente!

Quello che voglio dire tanto ai funzionari quanto alla popolazione è che l’accordo nucleare non deve trasformarsi in uno strumento di pressione. Non deve diventare uno strumento del nemico per fare pressione, di volta in volta, sul popolo iraniano e sulla nostra nazione. Non dobbiamo permettergli di trasformarlo in uno strumento di pressione. I nostri funzionari ci hanno detto che avrebbero fatto questo e quello affinché le pressioni provenienti dalle sanzioni sarebbero state eliminate. Essi [gli americani] non hanno fatto quello che avevano promesso di fare in quel momento e che doveva essere fatto il primo giorno. Adesso sono trascorsi otto-nove mesi, ma ci sono ancora inadempienze.

I nostri funzionari e coloro che avevano tale incarico lo stanno dicendo apertamente. Se [gli USA] desiderano utilizzare nuovamente l’accordo come strumento per esercitare ulteriori pressioni sulla Repubblica Islamica, non lo consentiremo. La Repubblica Islamica, facendo affidamento sul potere divino e credendo nella forza della presenza popolare, non ha paura di alcun potere nel mondo. Se qualcuno dice: “Saremo raggiunti!” seguendo il debole morale degli Israeliti, noi diremo – seguendo il Profeta Mosè (la pace discenda su di lui): “Giammai, il mio Signore è con me e mi guiderà”” [Sacro Corano, 26: 63].

[Estratto dal discorso dell’Imam Khamenei ai Basij, 23 novembre 2016]

Writer : shervin | 0 Comments | Category : news

Comments are closed.