La Preghiera delle due Feste del Fitr e del Qurban

La Preghiera delle due Feste del Fitr e del Qurban

Estratto dalla Risàlatu Tawdhihu-l-masà’il dell’Imam Khomeyni (ra)

Le preghiere delle due feste del Fitr e del Qurban, nel periodo dell’huzùr [presenza] del XII° Imam (aj), sono obbligatorie e devono necessariamente essere eseguite in congregazione, mentre nei nostri tempi, in cui l’Imam (aj è in stato di occultamento, l’esecuzione di queste preghiere è mustahhab [meritoria], ed è possibile eseguirle raja’an [nella speranza di ottenere meriti da Dio] in congregazione.

Queste due preghiere possono essere eseguite dallo spuntare del sole del giorno della festa fino al mezzogiorno shar°iyy [momento in cui si può iniziare a compiere la preghiera del mezzogiorno].

E’ mustahhab eseguire la preghiera della festa del Qurban dopo il [completo] levarsi del sole, mentre per quanto riguarda la preghiera della festa del Fitr è mustahhab, dopo il levarsi del sole, fare iftàr [rompere lo stato di astinenza dalle cose che invalidano il digiuno; qui s’intende mangiare qualcosa], pagare la zakàtu-l-fitrah e poi compiere la suddetta preghiera.

La preghiera consta di due rak:ah. Nella prima dopo aver recitato la Sura della Lode e la surah [vale a dire qualsiasi sura del sacro Corano, eccetto le quattro che contengono i versetti che rendono obbligatoria la sajdah], bisogna eseguire cinque takbir, e dopo ognuno di essi recitare un qunùt, quindi, dopo il quinto qunùt fare un altro takbir [il sesto], compiere un ruku° e due sajdah terminando in tal modo la prima delle due rak°ah di questa preghiera. Terminata la seconda sajdah bisogna alzarsi e iniziare la seconda rak°ah, recitando nuovamente la Sura della Lode e la surah. E’ poi necessario compiere quattro takbir, e dopo ognuno di essi recitare un qunut, e, dopo l’ultimo qunut, eseguire il quinto takbir, compiere il ruku° e le sue sajdah, dopodiché recitare il tashahhùd e terminare la preghiera con il taslìm.

Nei qunut della preghiera è sufficiente recitare una qualsiasi dua’ [come le salawàt] o un qualsiasi dhikr [come, ad esempio, subhànallah], tuttavia è meglio recitare, raja’an, la seguente supplica:

Allahumma ahla-l-kibriaa’i wa-l°azamah

O Dio – che solo a te s’addice la maestà e la magnificenza,

wa ahla-l-judi wa-l-jabarut

che solo a Te  s’addice la Generosità e la [Onni]potenza,

wa ahla-l°afwi wa-r-rahmah

che solo a Te s’addice il Perdono e la Misericordia,

wa ahla-t-taqwa wa-l-maghfirah

che solo Tu sei degno di essere temuto e solo Tu puoi perdonare i [nostri] peccati,

as aluka bi haqqi hadha-l-yawm

Ti chiedo per questo giorno,

alladhi ja°altahu li-l-muslimina °ida

che Tu hai fatto una festa per i Musulmani

wa li Muhammadin salla-l-lahu °alayhi wa aalih

e per Muhammad, che la  benedizione di Dio sia su di lui e sulla sua famiglia,

dhukhran wa sharafan wa karamatan wa mazida

una riserva, un onore, un dono, una crescita,

an tusallia °ala Muhammad wa aali Muhammad

di benedire Muhammad e la famiglia di Muhammad,

wa an tudkhilani fi kulli khayrin adkhalta fihi Muhammad wa aala Muhammad

e di introdurmi in ogni bene nel quale hai introdotto Muhammad e la famiglia di Muhammad,

wa an tukhrijani men kulli suu’in akhrajta minhu muhammad wa aala muhammad

e di farmi uscire da ogni male dal quale hai fatto uscire Muhammad e la famiglia di Muhammad,

salawatuka °alayhi wa °alayhim

che la Tua benedizione sia su di lui e su di loro.

allahumma inni as aluka khayra ma sa alaka bihi °ibaduka-s-salihun

O Dio, io ti chiedo il meglio di ciò che ti chiedono i tuoi probi servi

wa a’udhu bika mimma-sta°adha minhu °ibaduka-l-mukhlasun

e mi rifugio in Te da ciò dal quale si rifugiano in Te i tuoi servi resi [da Te] devoti.

.

E’ meritorio recitare la preghiera ad alta voce.

Non è stata prescritta alcuna particolare surah da recitare dopo l’Aprente, tuttavia è meglio recitare la Surah-sh-shams [91° sura] nella prima rak°ah e la Suratu-l-ghashiyah [88° sura] nella seconda, oppure la Suratu-l’a°là [87° sura] nella prima e la Suratu-sh-shams nella seconda rak°ah.

E’ mustahabb, nel giorno della festa del Fitr, prima della preghiera, fare iftàr con datteri, mentre nel giorno della festa del Qurban è mustahabb, dopo la preghiera, mangiare un poco della carne del qurbàn [la bestia immolata].

E’ mustahabb, prima della preghiera, eseguire un gusl e recitare, nella speranza di ricevere meriti da Dio, le dua’ prescritte per prima e dopo la preghiera, riportate nelle raccolte di suppliche islamiche. E’ mustahabb fare la sajdah sulla terra, alzare le mani durante i takbir e recitare la preghiera ad alta voce.

E’ makruh eseguire la preghiera delle due feste in un luogo coperto.
Se sorgono dei dubbi intorno al numero dei takbir o a quello dei qunut, se non si è superato il punto della preghiera sulla quale si dubita, bisogna considerare il minimo [e completare ciò che manca], e se poi si scopre di avere eseguito di più, la preghiera è valida.

Se si dimentica la recitazione o i takbir oppure i qunut, la preghiera è valida lo stesso.

Se si dimentica il ruku° o le due sadjah o il takbiratu-l’ihràm, la preghiera è nulla.

Writer : shervin | Comments Off on La Preghiera delle due Feste del Fitr e del Qurban Comments | Category : Giurisprudenza

Comments are closed.