Il Presepe e le festività cattoliche in Italia

IL PRESEPE E LE FESTIVITA’ CATTOLICHE IN ITALIA

img_1523

In relazione ai recenti e reiterati provvedimenti di sospensione, che hanno interessato la celebrazione di ricorrenze religiose Cattoliche presso alcuni istituti scolastici della Repubblica Italiana, nonché rispetto alle frequenti polemiche relative ad ipotesi di rimozione dei simboli religiosi Cristiani dagli uffici pubblici del nostro Paese, vorremmo esprimere chiaramente quanto segue.

Come Musulmani, veneriamo Gesù Cristo come Parola di Dio (kalimatu-Llâh) e Spirito (rûh) proveniente da parte Sua. Ne attestiamo la nascita miracolosa dal seno della Vergine Maria, narrata nel Nobile Corano; ne attendiamo inoltre il ritorno come Messia, al fianco dell’Imam Mahdi, che soverchierà le forze dell’Anticristo. Sebbene esprima una teologia diversa da quella Cristiana, la dottrina Islamica prevede inoltre il diritto dei credenti Cristiani a celebrare le proprie festività nei Paesi musulmani, senza che ciò possa essere loro negato od impedito.

Come cittadini Italiani di fede Islamica, non soltanto non abbiamo dunque alcuna particolare obiezione al fatto che in un Paese di tradizione Cristiana si esibiscano i simboli religiosi e si commemorino le festività legate a questa tradizione – così come ci aspettiamo che avvenga coerentemente nei Paesi di tradizione Islamica – bensì non abbiamo nemmeno alcun interesse a promuovere una minore visibilità della “religiosità diffusa” che caratterizza questo Paese, che consideriamo anzi un’eredità spirituale in cui affondano le radici del dialogo e della comprensione reciproca.

Per noi – che pure non festeggiamo il Natale – delle festività più buie e meno sentite non rappresentano un elemento di progresso e di emancipazione, bensì un sintomo di decadenza e di disperazione, che certamente non auspichiamo, e che anzi desideriamo contribuire a medicare, insieme: ciascuno con gli strumenti e con le specificità che lo contraddistinguono.

Invitiamo dunque a non presumere da parte nostra – né tanto meno attribuirci – alcun pregiudizio negativo circa la presenza di simboli religiosi Cristiani o la commemorazione di festività Cattoliche: al contrario, auspichiamo che questi possano anzi costituire per i nostri concittadini una rammemorazione della comune Patria celeste, ed una forma di fedeltà agli insegnamenti delle tradizioni di fede, a fronte delle emergenze del nichilismo e della profonda crisi spirituale che ci troviamo a fronteggiare. Insieme.

 

Tratto (con due nostre lievi modifiche) da: abdannur.com – A cura di Islamshia.org 

Writer : shervin | 0 Comments | Category : Attualità, politica e società

Comments are closed.