Ex Ministro israeliano arrestato per spionaggio con l’Iran

EX MINISTRO ISRAELIANO ARRESTATO PER SPIONAGGIO CON L’IRAN

I servizi segreti interni israeliani, lo Shin Beth, hanno arresto l’ex Ministro per l’Energia e le Infrastrutture Gonen Segev per spionaggio in favore dell’Iran. Segev ha ricoperto l’incarico dal 2002 al 2005 con i governi di Rabin e Peres.

L’ex ministro israeliano, stando alle accuse, avrebbe dato informazioni “sul settore energetico [israeliano], sui luoghi di sicurezza in Israele, su edifici e funzionari negli organismi diplomatici e di sicurezza, e molto altro”.

Segev, che da anni viveva in Nigeria dove dirigeva una clinica, a maggio è stato fermato mentre cercava di entrare in Guinea ed estradato in Israele. Secondo lo Shin Beth il rapporto tra Segev e l’Iran risale al 2012, quando l’ex Ministro israeliano incontrò alcuni agenti iraniani attraverso l’ambasciata iraniana in Nigeria. Per ottenere nuove informazioni Segev avrebbe mantenuto contatti con persone che operavano nel settore della sicurezza, della difesa e della diplomazia israeliana, cercando inoltre di mettere in contatto alcuni cittadini israeliani con le fonti iraniane presentando quest’ultime come commercianti. Sempre stando all’accusa Segev si sarebbe addirittura recato due volte in Iran per incontrare gli agenti iraniani.

La polizia israeliana ha definito il caso come una delle “più gravi violazioni alla sicurezza che il paese abbia mai conosciuto”, mentre il quotidiano “Haretz” ha dedicato un intero articolo a quella che definisce “una vittoria dell’intelligence iraniana” che “solleva dubbi” sull’efficienza del controspionaggio israeliano.

Writer : shervin | 0 Comments | Category : news

Comments are closed.