S.Nasrallah: “Il settarismo non è una coincidenza”

S.Nasrallah: “Il settarismo non è una coincidenza”

E’ davvero triste che tra gli sciiti ci siano dei gruppi quali quelli che sono stati descritti da Sua Eminenza l’Imam Khamenei come “Sciismo londinese” o “Sciismo inglese”. Anche questi gruppi hanno adottato la tendenza del takfir, della distruzione e dell’insulto verso tutti i simboli e sacralità [altrui].

E non soltanto verso i simboli e le sacralità dei nostri fratelli sunniti, ma anche degli altri sciiti, quali i nostri ulamà e maraja, simboli di un alto livello sapienziale ed etico.

Oggi vedete che tutte le risorse vengono messe a disposizione di questi due gruppi [i takfiri sciiti e takfiri sunniti], di questi gruppi del takfir, del ghuluww (esagerazione), dell’estremismo, delle maledizioni, delle accuse, della diffidenza, dei massacri e degli  omicidi. Essi dispongono di tutti i mezzi mediatici. I canali della Resistenza vengono oscurati da Arabsat, Nilesat e dai satelliti europei, mentre i canali della fitna [divisione e sedizione] come Wesal, Safa, Fadak e simili vedono aprirsi davanti tutte le porte del mondo.

Quello che pertanto sta accadendo, fratelli e sorelle, signore e signori, nobili sapienti, non è né una coincidenza né un caso; ci sono governi, servizi segreti e ‘think tanks’ che operano giorno e notte e hanno compreso il Risveglio Islamico; hanno compreso che la Ummah Islamica e le nazioni islamiche si sono svegliate e sollevate ed hanno assunto una posizione chiara contro l’arroganza e l’egemonia statunitense sulle nazioni islamiche e sulla nostra regione.

L’Ummah Islamica aveva raggiunto una posizione chiara e decisiva basata sull’alta fiducia acquisita dopo le vittorie della Resistenza contro Israele. Dopo aver compreso questo, i nemici hanno deciso che questa Ummah doveva scontrarsi al proprio interno.

[Per l’Arroganza] non vi è altro modo di confrontare questo ampio risveglio popolare nelle nazioni arabe e islamiche, del cui siamo stati testimoni negli ultimi anni, se non indirizzando queste persone in direzione della fitna.

Chi meglio dei movimenti takfiri e ghuluww serve questo progetto di divisione, scontro e frattura all’interno della Ummah ordito dall’Arroganza e dal sionismo, spostando la lotta dal vero campo di battaglia verso uno artificiale?

Oggi più di prima dobbiamo assumerci questa responsabilità al pari di quanto fece Shaykh Abd al-Nasr. Dobbiamo isolarli, assediarli, affrontarli e ridurli al silenzio. Questo da un lato. Dall’altro lato dobbiamo lavorare per maggiore convergenza, vicinanza, collaborazione, fratellanza, unità e integrazione, perché l’obiettivo di questi takfiri ed estremisti e dei loro padroni – gli americani e i sionisti – è quello di dividerci e di allontanarci.

.

   A cura di Islamshia.org © E’ autorizzata la riproduzione citando la fonte

Writer : shervin | 0 Comments | Category : news

Comments are closed.